Mikhail Maksimov, il regista russo, sa come si usano gli effetti speciali!

Il suo cortometraggio racconta attraverso una serie di veri e propri quadri surreali la storia di Aleksandr Vladimirovič Men’.  Un sacerdote ortodosso, teologo e scrittore russo ucciso con un’ascia sulla porta di casa, a Semkhoz, nel settembre del 1990.

È un mondo da leggere, quello costruito da Maksimov, con amore per la tecnologia e un po’ di interesse per la spiritualità. Un film sicuramente criptico nel suo significato più profondo. Occorre senza dubbio conoscere la storia di Men’, ma sa farsi apprezzare da tutti per l’elevatissima qualità della sua realizzazione tecnica.

IL PREGIO: la perfezione tecnica

IL DIFETTO: troppo criptico nel significato

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here